Autore Topic: Colle per falegnameria ecologiche?  (Letto 6679 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Paolo Bartoli

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 314
  • Sesso: Maschio
  • architetto e designer
    • BartoliDesign
Colle per falegnameria ecologiche?
« il: 15 Dicembre 2011, 09:57:58 »
Rivolgo la domanda principalmente a Dietmar, che so lavora tutti i giorni confrontandosi con questi problemi... ma la domanda naturalmente è rivolta a tutti i lettori del forum con esperienze dirette.

In questo periodo ho iniziato a disegnare dei mobili in massello di legno per un cliente che dovrebbe avviare una produzione in serie, ed ovviamente l'intento è di proporre una collezione di arredi a bassissimo impatto ambientale.

Il cliente è disponibile a sperimentare, ma al momento lavora con metodologie tradizionali e quando siamo arrivati al dunque ho scoperto che utilizza dei collanti per "bloccare" gli incastri strutturali tra gli elementi di mobili (come gambe ecc).

In particolare mi dice che utilizza queste due colle:
- Koyo Bond KR 560 (per interni)
- Koyo Bond KR 7800 (per esterni)

Da una veloce ricerca ho scoperto che sono soluzioni polimeriche a base acquosa di produzione giapponese, ma contiene... orrore... Isocianato!!
(Koyo bond technology is a water based Emulsion Polymer Isocyanate (EPI) adesive system).

Per complicare la faccenda, aggiungo che il cliente è in Indonesia (non è italiano...) percui il collante dovrebbe essere facilmente reperibile / fornibile anche laggiù...

Dietmar, tu che collanti utilizzi? Non dirmi che fai tutto ed esclusivamente a secco... Hai qualche indicazione utile?

Grazie!
Arch. Paolo Bartoli
Bartolidesign studio associato di architettura e design
paolo@bartolidesign.it
www.bartolidesign.i t
skype: paolobartoli

Offline paolo.boni

  • Delegato ANAB
  • Hero member
  • *****
  • Post: 538
  • Sesso: Maschio
Re:Colle per falegnameria ecologiche?
« Risposta #1 il: 16 Dicembre 2011, 08:04:18 »
Rivolgo la domanda principalmente a Dietmar, che so lavora tutti i giorni confrontandosi con questi problemi... ma la domanda naturalmente è rivolta a tutti i lettori del forum con esperienze dirette.

In questo periodo ho iniziato a disegnare dei mobili in massello di legno per un cliente che dovrebbe avviare una produzione in serie, ed ovviamente l'intento è di proporre una collezione di arredi a bassissimo impatto ambientale.

Il cliente è disponibile a sperimentare, ma al momento lavora con metodologie tradizionali e quando siamo arrivati al dunque ho scoperto che utilizza dei collanti per "bloccare" gli incastri strutturali tra gli elementi di mobili (come gambe ecc).

In particolare mi dice che utilizza queste due colle:
- Koyo Bond KR 560 (per interni)
- Koyo Bond KR 7800 (per esterni)

Da una veloce ricerca ho scoperto che sono soluzioni polimeriche a base acquosa di produzione giapponese, ma contiene... orrore... Isocianato!!
(Koyo bond technology is a water based Emulsion Polymer Isocyanate (EPI) adesive system).

Per complicare la faccenda, aggiungo che il cliente è in Indonesia (non è italiano...) percui il collante dovrebbe essere facilmente reperibile / fornibile anche laggiù...

Dietmar, tu che collanti utilizzi? Non dirmi che fai tutto ed esclusivamente a secco... Hai qualche indicazione utile?

Grazie!

Non vorrei dire una stupidaggine ma mi pare di ricordare che il famoso vinavil avesse tutte le caratteristiche di naturalità (o sbaglio).
Ciao Paolo

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re:Colle per falegnameria ecologiche?
« Risposta #2 il: 19 Dicembre 2011, 09:54:42 »
Ciao
nella mia falegnameria ho ancora un prodotto della Auro (purtroppo non più disponibile)......un classico è la colla animale (http://it.wikipedia.org/wiki/Colla_animale)....o meglio il sito inglese: http://en.wikipedia.org/wiki/Animal_glue

i problemi rimangono : i tempi di asciugatura.....par ticolarmente nel caso di produzione in serie

Personalmente, anch´io uso Vinavil .... http://www.vinavil.com/public/1/Template/Allegati/rapportoambientalevinavil2011.pdf

Anche la Pavatex usa la colla vinilica per unire i pannelli da 2cm (con un filo a serpentina di colla vinilica).... http://it.wikipedia.org/wiki/Colla_vinilica

Vecchie colle di ditte buone tedesche sono tutte state tolte dal mercato per cause fatte da utenti professionali (problemi anche nel mondo delle colle per pavimenti in legno)

E poi quasi dimenticavo: "la dose fa il veleno"....Paracelso

Saluti
Dietmar
« Ultima modifica: 19 Dicembre 2011, 10:18:58 da dietmar »

Offline paolo.boni

  • Delegato ANAB
  • Hero member
  • *****
  • Post: 538
  • Sesso: Maschio
Re:Colle per falegnameria ecologiche?
« Risposta #3 il: 21 Dicembre 2011, 17:32:56 »
Interessante e corposa spiegazione sul vinavil.
Mi sono fatto una nuova cultura.
Grazie e Buone feste a tutti
Ciao Paolo

PS: Nevicato a Bolzano?

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re:Colle per falegnameria ecologiche?
« Risposta #4 il: 22 Dicembre 2011, 15:06:36 »
IPS: Nevicato a Bolzano?

...ancora poca roba.....al momento incomincia in montagna

auguroni, dietmar

Offline Paolo Bartoli

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 314
  • Sesso: Maschio
  • architetto e designer
    • BartoliDesign
Re:Colle per falegnameria ecologiche?
« Risposta #5 il: 22 Dicembre 2011, 23:55:19 »
Buon Natale a tutti voi ed auguri per un 2012 spumeggiante di novità positive!

ciao Paolo
Arch. Paolo Bartoli
Bartolidesign studio associato di architettura e design
paolo@bartolidesign.it
www.bartolidesign.i t
skype: paolobartoli