Autore Topic: L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3  (Letto 4474 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3
« il: 13 Maggio 2011, 00:34:43 »
Domenica 15 maggio l'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3. Il servizio andrà in onda verso la fine della trasmissione nella rubrica "c'è chi dice no". Passaparola! www.ezioorzes.it

http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-7d8c44de-6759-4195-aaae-2dff52fdae47.html

Report, la nota trasmissione di Rai 3, domenica 15 maggio racconta il “caso  Ponte nelle Alpi, un comune che ha saputo, anche per merito del suo Assessore all’Ambiente Ezio Orzes, trasformare dei problemi ambientali in una grande opportunità di riscatto per la comunità.

Giuliano Marrucci curatore della rubrica “C’è chi dice no”  che chiude con una nota di speranza la trasmissione, ha girato per quasi 4 giorni entrando nelle case, intervistando i cittadini e i bambini delle scuole, gli operatori e i tecnici  della Ponte Servizi e del Comune, zoomando  con la telecamera nei bidoncini della raccolta differenziata, nelle pieghe del lavoro di ogni giorno svolto con competenza,  soffermandosi sui sorrisi degli anziani che lo accompagnavano per il paese.

Spulciando in documenti e vecchi articoli di giornale l’inviato di Report ha ricostruito la storia recente di Ponte nelle Alpi  e della sua comunità che si era battuta negli anni precedenti con una grande mobilitazione popolare bloccando un progetto di costruzione di una mega-discarica da 1 milione di metri cubi  e che poi ha avuto la capacità e la forza di dimostrare che si poteva cambiare strada e  diventare in pochi mesi il migliore comune d’Italia per quanto riguarda la raccolta differenziata.

Cambiare strada, dando voce ai cittadini che per anni si erano battuti contro l’incenerimento di rifiuti pericolosi  in un cementificio o ai genitori dei bambini della scuola elementare che protestavano per i campi elettromagnetici prodotti dagli elettrodotti che sovrastavano l’edificio.

Da anni la ferma opposizione del comune ha stoppato l’incenerimento nel cementificio ed è stato siglato con Terna un protocollo d’intesa che prevede l’interramento e  la progressiva rimozione  dei tralicci  liberando così, dopo decenni,  il centro del paese  dagli elettrodotti.

L’ambiente a Ponte nelle Alpi non è più un problema, anzi  è sempre più chiaro che sta diventando una grande opportunità per tutti: sui tetti delle scuole spuntano impianti fotovoltaici, le mamme si scambiano vestitini e giocattoli per i figli, l’amministrazione con altri comuni coordina gruppi di acquisto di impianti fotovoltaici ed interventi di risparmio energetico per cittadini e piccole imprese e  i rifiuti diventano materiali che si vendono riducendo i costi del servizio.

Sraordinario? No solo una comunità civile che vuole guardare al futuro con un po’ di partecipazione, di speranza e di gioia!
http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-7d8c44de-6759-4195-aaae-2dff52fdae47.html
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline paolo.boni

  • Delegato ANAB
  • Hero member
  • *****
  • Post: 538
  • Sesso: Maschio
Re:L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3
« Risposta #1 il: 13 Maggio 2011, 08:03:32 »
Domenica 15 maggio l'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3. Il servizio andrà in onda verso la fine della trasmissione nella rubrica "c'è chi dice no". Passaparola! [url=http://www.ezioorzes.it]www.ezioorzes.it[/url]

[url]http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-7d8c44de-6759-4195-aaae-2dff52fdae47.html[/url]

Report, la nota trasmissione di Rai 3, domenica 15 maggio racconta il “caso  Ponte nelle Alpi, un comune che ha saputo, anche per merito del suo Assessore all’Ambiente Ezio Orzes, trasformare dei problemi ambientali in una grande opportunità di riscatto per la comunità.

Giuliano Marrucci curatore della rubrica “C’è chi dice no”  che chiude con una nota di speranza la trasmissione, ha girato per quasi 4 giorni entrando nelle case, intervistando i cittadini e i bambini delle scuole, gli operatori e i tecnici  della Ponte Servizi e del Comune, zoomando  con la telecamera nei bidoncini della raccolta differenziata, nelle pieghe del lavoro di ogni giorno svolto con competenza,  soffermandosi sui sorrisi degli anziani che lo accompagnavano per il paese.

Spulciando in documenti e vecchi articoli di giornale l’inviato di Report ha ricostruito la storia recente di Ponte nelle Alpi  e della sua comunità che si era battuta negli anni precedenti con una grande mobilitazione popolare bloccando un progetto di costruzione di una mega-discarica da 1 milione di metri cubi  e che poi ha avuto la capacità e la forza di dimostrare che si poteva cambiare strada e  diventare in pochi mesi il migliore comune d’Italia per quanto riguarda la raccolta differenziata.

Cambiare strada, dando voce ai cittadini che per anni si erano battuti contro l’incenerimento di rifiuti pericolosi  in un cementificio o ai genitori dei bambini della scuola elementare che protestavano per i campi elettromagnetici prodotti dagli elettrodotti che sovrastavano l’edificio.

Da anni la ferma opposizione del comune ha stoppato l’incenerimento nel cementificio ed è stato siglato con Terna un protocollo d’intesa che prevede l’interramento e  la progressiva rimozione  dei tralicci  liberando così, dopo decenni,  il centro del paese  dagli elettrodotti.

L’ambiente a Ponte nelle Alpi non è più un problema, anzi  è sempre più chiaro che sta diventando una grande opportunità per tutti: sui tetti delle scuole spuntano impianti fotovoltaici, le mamme si scambiano vestitini e giocattoli per i figli, l’amministrazione con altri comuni coordina gruppi di acquisto di impianti fotovoltaici ed interventi di risparmio energetico per cittadini e piccole imprese e  i rifiuti diventano materiali che si vendono riducendo i costi del servizio.

Sraordinario? No solo una comunità civile che vuole guardare al futuro con un po’ di partecipazione, di speranza e di gioia!
[url]http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-7d8c44de-6759-4195-aaae-2dff52fdae47.html[/url]


Pensa che ho avuto l'onore di conoscrne il sindaco in un congresso sulle amministrazioni pubbliche venete dove anche Anab era intervenuta a spiegare SB100 (il Buon e bravo Mario Veronese) come sempre ne era l'artefice...
Ha presentato la sua esperienza ed è stato veramente interessante.
Questa è vera e propria cultura dal basso...
Anab dovrebbe ripartire con esempi del genere.
Ciao Paolo

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Re:L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3
« Risposta #2 il: 13 Maggio 2011, 09:19:37 »
Per la cronaca fa parte di un network che ha realizzato anche il più grosso GAS nazionale sul fotovoltaico. Orzes è veramente una persona in gamba.

Io l'ho conosciuto solo in una riunione skype, so che è in contatto con Claudio.


Ciao


Paolo
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline Marco Rossi

  • ANABgroup
  • Advanced member
  • ***
  • Post: 108
Re:L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3
« Risposta #3 il: 13 Maggio 2011, 10:10:29 »
Molto interessante! grazie per l'informazione, lo guardo senz'altro!!!!

Offline Marco Rossi

  • ANABgroup
  • Advanced member
  • ***
  • Post: 108
Re:L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3
« Risposta #4 il: 16 Maggio 2011, 11:46:57 »
Veramente interessante, il servizio... hanno fatto una cosa egregia...

Certo che organizzare un servizio del genere in un piccolo centro è più facile che farlo in una grande città...

Offline paolo.boni

  • Delegato ANAB
  • Hero member
  • *****
  • Post: 538
  • Sesso: Maschio
Re:L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3
« Risposta #5 il: 16 Maggio 2011, 16:13:57 »
Veramente interessante, il servizio... hanno fatto una cosa egregia...

Certo che organizzare un servizio del genere in un piccolo centro è più facile che farlo in una grande città...
Penso come sempre sia solo voglia di mettersi in gioco...
hai visto la parte di quando parlava dei luoghi comuni a cui si è trovato difronte?
Penso che sia proprio così l'italia vive sulla mancanza politica dell'iniziativa e sulla paura del giudizio...
Meglio non creare polverone rispetto al mettersi in gioco.
Questo purtroppo lo si vede anche da chi invece politicamente dovrebbe indirizzarsi su queste tipologie d'intervento.
Ciao paolo

Un esempio, io ho fatto parte per decenni di cooperative d'abitazione e ti assicuro che ho sentito più discorsi razzistici all'interno di quelle che da altre parti.
Prima di vendere ad uno di colore o ad un extracomunitario o affittare facevano in modo che dsistesse dato che altrimenti chissà cosa pensavano gli altri.

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Re:L'esperienza di Ponte nelle Alpi a Report RAI3
« Risposta #6 il: 17 Maggio 2011, 17:17:40 »
Uno splendido esempio di come FARE sostenibilità senza tante chiacchere.

Orzes è veramente un politico di grande livello, anche se è solo amministratore di un paesino. Speriamo di poter attivare presto con lui una collaborazione con ANAB.

Ho trovato particolarmente valida anche la chiosa finale, quando dopo aver fatto un bel discorso di circostanza, è sbottato in un "che puttanata!!!" che oltre a farmi ridere a lacrime dava veramente il polso della serietà della persona (che alla fine in qualche modo si vergognava di fare discorsi retorici).

Veramente un grande personaggio.
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better