Autore Topic: Fabbricato amovibile in materiale leggero sostenibile  (Letto 18485 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Fabbricato amovibile in materiale leggero sostenibile
« il: 06 Ottobre 2009, 17:22:29 »
Devo trovare una soluzione semplice per la copertura di un piccolo fabbricato con funzione di struttura appoggio, in legno. Non vorrei ricorrere alle tegole, pesanti, impattanti e costose.

Cosa posso immaginare? La mi ? venuta in mente l'ipotesi di una copertura a falde in rame, che ho visto applicata in alcuni progetti. Qualcuno ha qualche altra soluzione da proporre?  ::: ::: ::: :::

Grazie
 :))) :))) :))) :)))


Paolo
« Ultima modifica: 22 Ottobre 2009, 08:46:44 da Paolo M. Callioni »
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline paolo.boni

  • Delegato ANAB
  • Hero member
  • *****
  • Post: 538
  • Sesso: Maschio
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #1 il: 06 Ottobre 2009, 19:04:38 »
Devo trovare una soluzione semplice per la copertura di un piccolo fabbricato con funzione di struttura appoggio, in legno. Non vorrei ricorrere alle tegole, pesanti, impattanti e costose.

Cosa posso immaginare? La mi ? venuta in mente l'ipotesi di una copertura a falde in rame, che ho visto applicata in alcuni progetti. Qualcuno ha qualche altra soluzione da proporre?  ::: ::: ::: :::

Grazie
 :))) :))) :))) :)))


Paolo

Ci sono tante soluzioni, rame, zinco-titanio, alluminio...
dipende un p? dalle dimensioni perch? comunque sono materiali costosetti.
La copertura ? visibile da lontano?
? a falda oppure a tetto piano?

se fosse a tetto piano oppure non visibile esistono delle nuove guaine completamente bianche che oltre a mantenere il tetto fresco sono ottime perch? si mantengono nel tempo dato che si scaldano poco.
Occhio per? che esistono dei fabbricanti di guaine che hanno trasformato quella classica applicandogli sopra un tessuto bianco (da scartare) invece quelle che dico io sono con uno strato mi pare ceramico (non vorrei dire stronzate, se interessa mi informo)
Certo che la guaina non ? il massimo del sostenibile, dipende tutto dai costi.
Funzionalmente per? ? incredibile

Ciao Paolo

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #2 il: 06 Ottobre 2009, 19:53:35 »
Mah, ? un progetto su cui sto lavorando, per cui devo scegliere io la soluzione. Si tratta di una piccola struttura, con piccola superficie, grossomodo dovrebbe trattarsi di 100-120 mq di superficie di tetto, visto che la copertura interessa anche una parte di sporto che potrebbe fare da loggiato. Potrebbe essere benissimo una superficie piana.

Vorrei una soluzione quanto possibile naturale e semplice, ma anche molto economica. L'ipotesi del tetto bianco mi pare un po' forte, visto che vi potrebbero essere problemi di visibilit?; andrebbe bene un colore neutro, come il grigio, ad esempio. Non ho idea dei costi del rame, pensavo non fosse molto costoso.

La guaina potrebbe essere una soluzione di ripiego, motivata principalmente da obiettivi di contenimento del budget, ma vorrei evitare se possibile oggetti petrolchimici.
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #3 il: 07 Ottobre 2009, 01:55:32 »
e perch? non fare un tetto verde semplice?

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #4 il: 07 Ottobre 2009, 07:41:13 »
Tetto verde? l'idea mi piace ...

I miei vincoli progettuali sono legati al fatto che ho tempi strettissimi per la progettazione, oltre che un budget ristretto per la struttura, dunque vorrei inserire solo soluzioni estremamente semplici, veloci da progettare ed economiche.

Ragioniamo un momento sull'ipotesi del tetto verde: un tetto verde (ma) semplificato potrebbe essere una buona soluzione.

Diciamo dunque che sopra un piano di appoggio inclinato a singola falda dato da un tavolato in legno potrei appoggiare uno strato di un prodotto diciamo tipo questo:

http://www.daku.it/prodotti/fsd.php

(mi spiace sia in polistirolo, ma pazienza)

ovviamente appoggiato sopra un telo antivento ed eventualmente un ulteriore strato di isolamento e appoggio (es. uno strato di tessuto non tessuto). Poi dovrei studiare degli appoggi laterali, per garantire il bloccaggio e la chiusura laterale del pacchetto.

Per il riempimento preferirei pochi strati, per cui uno strato di terreno con ghiaino e uno di suolo organico dovrebbero sufficienti a chiudere il profilo. Per quanto riguarda le specie, ci devo pensare, ma pensavo a graminacee macroterme, ad esempio l'Uganda...

E' tutto corretto?

Uhm, dovrebbe essere una soluzione a basso costo e funzionale rispetto anche agli obiettivi di progetto...
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #5 il: 07 Ottobre 2009, 07:57:27 »
Ok, come non detto, ho trovato sul sito della Daku un particolare del tetto, eccolo:

http://www.daku.it/servizi/ut_pubbli/conten_getpub.php?hTV_ID=5&hAREA=BITE&hTipo=F6

Inoltre loro suggeriscono l'uso del Sedum, che in effetti forse ? meglio delle graminacee. In Sardegna, dove l'opera dovrebbe essere realizzata, abbiamo un Sedum spontaneo molto bello (il S. caeruleum), che potrebbe andare benissimo ...
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #6 il: 07 Ottobre 2009, 10:59:27 »
Ciao Paolo

ti rispondo in breve (...ho un appuntamento) e poi approfondir? pi? tardi.

Della tua soluzione ovviamente non condivido la scelta del prodotto petrolifero. Ci sono alternative con dei prodotti di materassini riciclati. E poi quant?? l?inclinazione del tetto? Io ho sviluppato sul tetto di alcuni progetti con tetto piano (costruzione in legno, travi e tavolato a vista)  la guaina (poliolefinica), tessuto non tessuto (riciclato), ghiaino particolare drenante, tessuto filtrante, substrato e piantine di sedum. Attenzione ovviamente ai particolari con grondaia e i lati del tetto.

Come detto
a dopo

Dietmar

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #7 il: 07 Ottobre 2009, 16:37:32 »
Rieccomi

ti mando gli info dei ragazzi con i quali ho realizzato i progetti di tetti verdi.

http://www.climagruen.it/cms/it

Simpatico da loro ? l?uso di vari strati di materiale drenante e vegetativo senza far uso di prodotti di origine petrolifera. In fin dei conti si simula con i vari ghiaini la stratificazione naturale della terra, rispettando chiaramente la dimensione ridotta delle sezioni.

Buona lettura

Allego una foto di un piccolo tetto nel mio cortile sulla casetta da gioco delle mie bambine. (dimensione ca. 15m2, altezza dalla guaina in su 16 cm)

Offline paolo.boni

  • Delegato ANAB
  • Hero member
  • *****
  • Post: 538
  • Sesso: Maschio
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #8 il: 07 Ottobre 2009, 18:09:18 »
Il tetto verde ? sicuramente un'ottima soluzione.
Naturalmente il costo non ? poi cos? economico ma nemmeno un esagerazione.
Per poter evitare di mettere le vaschette per il recupero ed il mantenimento dell'acqua, io ho utilizzato una soluzione semplice ed economica (su tetto piano):
sopra la guaina proteggerla con uno strato di protezione (ci sono dei feltri appositi), sopra 4 cm di argilla espansa che funge da regolatore di umidit? e raccolta acqua, sopra nuovamente lo strato di feltro e poi 6/7 cm di terriccio con sedum.
Importantissimo tarare correttamente le tipologie di sedum altrimenti rischi che non si automantenga.
Unico difetto di uno strato come questo ? il tetto inclinato e quindi la possibilit? di utilizzare dell'argilla espansa.
Nel tuo caso ho l'impressione che debba utilizzare le vaschette di plastica.
Non c'? bisogno di utilizzare quelle in polistirene bastano quelle non isolate perch? l'isolante lo avrai utilizzato sotto e quindi butteresti via soldi per niente.
Dovrebbero esiste anche riciclate prova informarti.
Comunque un tetto del genere fatto realizzare da ditta apposita costa dai 60 a 80 ?/mq (dipende dalle dimensioni del tetto)
In posti tipo la sardegna dove piove pochino prevederei un minimo di irrigazione per evitare ti muoia tutto.
Ma poi chettelodicoaffare lo sai meglio di me  ::-

Ciao Paolo

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #9 il: 07 Ottobre 2009, 21:46:24 »
Beati noi in AltoAdige il costo a m2 ? di 25 - 35 Euro. Nei tetti a falda fino a 15? usiamo anche noi questo Mix speciale (con, ma non solo l?argilla espansa). Al di sopra usiamo un materassino di prodotti riciclati che d? l?artrito sufficciente. Basta vedere la HP della ditta postata prima.

Ciao Dietmar

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #10 il: 07 Ottobre 2009, 22:26:44 »

Della tua soluzione ovviamente non condivido la scelta del prodotto petrolifero. Ci sono alternative con dei prodotti di materassini riciclati.


Per carit?, non chiedo di meglio!!!! Il petrolchimico se lo conosci lo eviti!!!!

Citazione
E poi quant?? l?inclinazione del tetto?


Dunque, diciamo che posso scegliere, ma potrebbe andare benissimo un tetto suborizzontale, diciamo circa 10?, che favorisca lo scolo dell'acqua in eccesso ma permetta anche l'accumulo di un po' di riserva idrica. Sono un po' spaventato solo dall'idea del bordo ... ripeto, volevo fare una cosa molto semplice ...

Il tetto verde ? sicuramente un'ottima soluzione.
....In posti tipo la sardegna dove piove pochino prevederei un minimo di irrigazione per evitare ti muoia tutto.
Ma poi chettelodicoaffare lo sai meglio di me  ::-


Si, in realt? pensare di mettere un impianto di irrigazione sul tetto del fabbricato in questione ? cosa non proprio semplice, perch? si porta dietro la necessit? di progettare tutto un sistema. Diciamo che si pu? anche immaginare di prevederlo, ma che comunque la scelta delle specie dovrebbe costituire da s? elemento progettuale determinante: dunque crassulacee (come i Sedum, appunto) ed altre succulente. Inoltre che (gi? che ci siamo) il luogo in questione ? alto (500 m slm), il che verosimilmente significa d'estate condensa notturna per escursione termica giorno-notte.

Gi? che ci siamo,

ti mando gli info dei ragazzi con i quali ho realizzato i progetti di tetti verdi.
http://www.climagruen.it/cms/it


Belli, anche se un po' pi? complessi costruttivamente rispetto a quello che pensavo


Citazione
Allego una foto di un piccolo tetto nel mio cortile sulla casetta da gioco delle mie bambine. (dimensione ca. 15m2, altezza dalla guaina in su 16 cm)


Veramente splendido il risultato!!!!
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #11 il: 07 Ottobre 2009, 22:42:12 »
Hoi Paolo M.C.

I sedum che vedi sulla foto sono indistruttibili, basta sapere che anche Bolzano (e non ridere) d?estate supera spesso la bella sardegna, con temperature vicine ai 40 gradi (quest?anno il picco era di 38). Ed anche l?acqua spesso manca. Il tetto in foto poi ? in un cortile poco soleggiato (d?estate ca. 2 ore di sole/giorno). Ci? dimostra che loro sono veramente resistenti. Gli ho innaffiati solo all?inizio un p?, per incoraggiarli, dopo mai pi?.
Il bordo poi come vedi basta farlo con il ghiaino tondo.

Pi? avanti ti faccio vedere un ampliamento recente, dove abbiamo lavorato molto con il tetto verde su costruzione in legno. Mi manca ancora la foto giusta. Li erano ca. 100m2 ed il prezzo era incluso lavoro 3.000 Euro.


Dietmar

Offline Paolo M. Callioni

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 711
  • Sesso: Maschio
    • Paesaggio e architettura rurale
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #12 il: 07 Ottobre 2009, 22:59:28 »
OK, Dietmar, davvero grazie mille per i consigli. Anche io non sono particolarmente preoccupato per la capacit? di sopravvivenza dei Sedum.

Interessante il fatto che si tratti di un insieme di specie (non mi dispiacerebbe sapere quali), il che evidentemente aumenta la biodiversit? e dunque la resistenza biologica della popolazione, di per s? (visto l'adattamento ambientale della specie) gi? comunque notevole.

Il budget mi pare molto contenuto, e va benissimo. Fra l'altro mi piace molto l'idea del tetto verde, anche perch? si tratta di una soluzione progettuale che in Sardegna ? del tutto sconosciuta, secondo me in modo immeritato, e andrebbe invece promossa.
Paolo M. Callioni
www.paesaggio.net
Studio Agricoltura, Paesaggio e Territorio
Ubuntu 12.04LTS - Linux is better

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #13 il: 08 Ottobre 2009, 08:25:12 »
Ciao Paolo

ho chiesto al mio giardiniere una lista delle piantine che abbiamo usato (in particolare una selezione per la Sardegna). A proposito della Sardegna, forse ci sono ancora alcuni esempi storici di tetti verdi!. Nei paesi scandinavi per esempio hanno fatto i tetti verdi con la corteccia delle betulle come impermeabilizzazion e e zona filtrante.
Poi in un paesino della Toscana (purtroppo non so pi? quale) ho visto in un convento anche un giardino grande sul tetto piano intorno al chiostro. Niente guaine ovviamente (era ca. del 1500) solo uno strato di calce battuta e poi direttamente la terra. (quasi da non credere).
Simile soluzione la ho trovata a Marrakech in Marocco con uno strato protettivo di Tadelakt (Calce particolare della zona, indurita con una pietra). Chiaro li la pioggia ? rara, ed ? a favore della costruzione. Ma se piove, piove a catinelle anche li, perci? il problema del drenaggio lo hanno anche loro.
....poi ho due muratori della Sardegna, che lavorano quasi solo per me (fanno tutti i lavori in argilla) e so quanto testardi siete voi isolani (quasi al livello di noi montanari) per immaginare che se qualcosa lo volete....? realizzato.

Saluti, Dietmar

Offline dietmar

  • ANABgroup
  • Hero member
  • ***
  • Post: 205
  • Sesso: Maschio
  • Architetto
Re: Copertura in materiale leggero sostenibile
« Risposta #14 il: 08 Ottobre 2009, 08:31:26 »
Come vedi, lavoriamo molto speditamente.

Ecco nell?allegato la lista delle piantine, appena ricevute dal mio giardiniere.

Sal?